Cosa Facciamo

Il servizio Nazionale di Protezione Civile Istituito con la legge 225/92. Le attività di Protezione Civile vengono definite come: “Tutelare l’integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da catastrofi e da altri eventi calamitosi e diretta a superare l’emergenza”.

DA CHI E’ FORMATA :

Prefettura, Regione, Provincia, Comune; Vigili del Fuoco; Forze Armate; Forze di Polizia; Corpo Forestale dello Stato; Servizi Tecnici Nazionali e Gruppi Nazionali di Ricerca Scientifica; Emergenza Sanitaria 118; Servizio Sanitario Nazionale (A.S.L.); Agenzia regionale per l’Ambiente (A.R.P.A.); Croce Rossa Italiana; Corpo Nazionale Soccorso Alpino; Organizzazioni di Volontariato. Dette strutture svolgono, a richiesta del Dipartimento di Protezione Civile, le attività previste dalla Legge, nonché compiti di supporto e consulenza per tutte le Amministrazioni componenti il Servizio Nazionale della Protezione Civile. Le Regioni e le Province provvedono alla predisposizione ed attuazione dei programmi Regionale e Provinciali di previsione e prevenzione in armonia con le indicazioni dei programmi Nazionali. Il Prefetto è Autorità Provinciale di Protezione Civile. Anche sulla base del programma Provinciale di previsione e prevenzione, predispone il piano per fronteggiare l’emergenza su tutto il territorio della Provincia, ne cura l’attuazione, coordinando la fase di soccorso. Il Sindaco è Autorità Comunale di Protezione Civile. Al verificarsi dell’emergenza nell’ambito del territorio Comunale, il Sindaco assume la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alle popolazioni colpite e provvede agli interventi necessari dandone immediata comunicazione al Prefetto ed al presidente della Giunta Regionale.

Compiti di Protezione Civile Previsione Studio delle cause e dei fenomeni calamitosi; Identificazione dei pericoli ed individuazione delle zone soggette ai rischi stessi. Prevenzione Attività volta ad evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni a seguito degli eventi calamitosi individuati nella previsione. Soccorso Attuazione degli interventi diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi ogni forma di prima assistenza. Superamento dell’emergenza · Attuazione coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative necessarie volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita. Organizzazione del soccorso rapido ed efficace in caso di necessità. Comunicazione della notizia Il cittadino che segnala l’evento deve comunicarlo alle organizzazioni di soccorso (Vigili del Fuoco, Forze di Polizia, Emergenza Sanitaria). La Protezione Civile di Brindisi, non è uno strumento nei cassetti dei governanti ma è tra la gente e tra la collettività deve crescere diffondersi e vivere. Questo è lo spirito con cui nasce la Protezione Civile a Brindisi. L’Associazione Ricetrasmissioni C.B. - Brindisi (Unità Volontaria di Protezione Civile) è una struttura autonoma, è riconosciuto ufficialmente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri come Associazione Volontaria di Protezione Civile. Precipuamente l’Associazione ha lo scopo di diffondere, costituire e coordinare stazioni di ascolto e pronto intervento su invito ed in collaborazione con le autorità allo scopo di migliorare la Protezione Civile, i Servizi sociali e umanitari in vari settori, dal soccorso stradale agli interventi ambientali, dagli incendi alla ricerca persone scomparse. Questi, da sempre, i nostri campi di azione da quando siamo nati 20 anni fa sino alle recentissime manifestazioni dell’estate brindisina di cui abbiamo garantito, in stretta collaborazione con i Vigili Urbani, il regolare svolgimento intervenendo in più di qualche potenziale situazione di pericolo; inoltre durante il periodo estivo alcune nostre unità sono state impegnate in attività di vigilanza ed assistenza presso uno dei più noti stabilimenti balneari del nostro litorale. Tutti questi servizi sono stati offerti dai soci e dall’organizzazione a titolo gratuito, l’Associazione trae, infatti, le proprie risorse economiche dall’autotassazione dei soci e dai contributi spontanei di privati o Enti.

RELAZIONE SULL’ ATTIVITA’ SVOLTA NEGLI ANNI PRECEDENTI

L’ Associazione nata nel 1985 ha collaborato con le varie Autorità presenti sul territorio in 1.500 interventi ( escluso gli interventi durante l’ Emergenza Albania ) riguardanti : Incidenti Stradali - Emergenza in mare - Protezione Civile - Ricerca Sangue - Ricerca Medico - Soccorso Stradale - Emergenza Profughi - Assistenza Manifestazioni Sportive , Religiose, Culturali , Emergenza Incendi . Ricordiamo alcuni Interventi effettuati in Sedici Anni di Attività : - Alluvione del 1986 ; - Incendi Annuali di Torre Guaceto ; - Incendio Gasiera “ VALROSANDRA “ ormeggiata al molo ENICHEM ; - Emergenza Albanesi durante la quale la struttura ha effettuato 2.761 Interventi ; - Esercitazioni “ PROMARCO 93 “, organizzata dalla Prefettura di Brindisi ; - Manifestazione per Raduno Bersaglieri Anno 92 ; - Progetto “ SCUOLA SICURA “ 95, organizzata dalla Prefettura di Brindisi ; - Emergenza Albanesi, anno 97 ; - Simulazione Pratica di “ SIMULAZIONE INCENDIO MOBIL PLASTIC 1994 “ ; - Assistenza Manifestazione “ STRACITTADINA BRINDISINA dal 1989; - Campagna Antincedio in collaborazione con la Guardia Forestale dal 1986; - “ VIA CRUCIS dal 1989; - “ CAMMINATA DELL’ AMICIZIA “ anni 89-92- 93-97-98-99 e 2000 ; - Varie Manifestazioni del Circolo ENDAS ; - Collaborazione con i Vigili del Fuoco “ SANTA BARBARA “ vari anni ; - Collaborazione con il Comando I° Squadriglia Guardia Costiera per avvistamento e segnalazione Profughi .     

SCARICA LO STATUTO IN FORMATO PDF

Per informazioni

Ass.ne Ricetrasmissioni C.B.Brindisi Via Arione s.n.(P.zza Mercato Cappuccini)

72100 Brindisi cell. 329 9039602 / Fax: 0831-451050

email info@protezionecivilebrindisi.it